Tesori di Etruria - agenzia di visite turistiche, servizi turistici
Tesori di Etruria - agenzia di visite turistiche, servizi turistici

Visita guidata Civita di Bagnoregio

CivitaBagnoreggio07

CivitaBagnoreggio07

 

 

Civita di Bagnoregio appare come un luogo incantato, rimasto sospeso nel tempo. Il piccolo borgo, arroccato su uno sperone di tufo, è unito al resto del mondo da un lungo e stretto ponte sospeso nel vuoto dal quale si ammira l’immensa vallata circostante. Il terreno argilloso su cui sorge la rupe di Civita sta lentamente cedendo alle frane e ai terremoti che forse un giorno porteranno alla scomparsa di quello che ormai da tempo è chiamato “ il paese che muore”. Il borgo conserva ancora la sua antica struttura architettonica, con gli archi, le finestre che si affacciano direttamente nel vuoto e le case medioevali abitate ormai solo da una ventina di persone che continuano un’impari lotta contro la natura. Il fascino di questo sperduto angolo d’Italia si può scoprire solo passeggiando attraverso le sue viuzze e le piccole piazze dove si respira un’atmosfera fiabesca, immersa in un silenzio quasi assoluto.
Il percorso
La visita parte dalla medievale porta di Santa Maria che immette nel cuore dell’antica  acropoli etrusca. Appena superata la porta si incontra un suggestivo ambiente completamente scavato nel tufo, un tempo adibito a corpo di guardia della città  ed ora sede del punto informativo di Tesori d’Etruria. Proseguendo per la via centrale, corrispondente all’antico decumano, si arriva nella piazza principale dove sorgeva il foro del primitivo centro. Sulla piazza si affacciano il palazzo Alemanni, sede del Museo Geologico e delle Frane, l’ex palazzetto comunale con la sua loggia e la romanica chiesa di San Donato, rimaneggiata nel XVI secolo. L’interno è ricco di opere tra cui un bel crocifisso ligneo della scuola di Donatello che ogni Venerdì Santo viene portato in processione a Bagnoregio. Usciti dalla chiesa si continua verso la piazzetta dell’antico vescovado su cui si affacciano il Palazzetto di Giustizia con le annesse prigioni e quanto resta del palazzo vescovile, in gran parte crollato a causa di un terribile terremoto nel 1695. Costeggiando il lato destro della chiesa ci si dirige verso uno dei più spettacolari belvedere di Civita. Qui è necessario soffermarsi qualche minuto per scattare delle foto ed ammirare l’incantevole panorama sulla valle dei calanchi, simile ad un enorme cratere lunare. Ultima tappa della visita è la casa natale di San Bonaventura (1217-1274), ora ridotta a rudere per il susseguirsi dei terremoti. Filosofo e teologo, San Bonaventura fu per diciassette anni Ministro Generale dell’Ordine Francescano ed è considerato uno dei più importanti biografi di San Francesco d’Assisi.

 

Prezzi

prezzo-intero

intero 5 euro – ridotto 4 euro (ragazzi fino a 10 anni)

percorso adatto per bambini

Bambini fino 1 metro gratis

Informazioni sul percorso

durata

45 minuti  

distanza

meno di 1,0 km

difficolta del percorso

Percorso turistico

Consigli e note

La partenza è garantita con un minimo di 10 partecipanti
Le visite vegono effetuate dal venerdì alla domenica:
è obbligatoria la prenotazione.

cani permessi

bagni

questo percorso e accessibile con carozzina

scarpe-comode
ristoro
shopping
scale

 

 

 

 

 

 

PanoramaCivitaBagnoreggio04